martedì 5 novembre 2019

I dipinti di Alessandra Signorini si ammirano al Nyx Hotel Milan

Le opere della pittrice indagano il contemporaneo
Dal 15 novembre 2019 al 19 gennaio 2020, il Nyx Hotel Milan – lo street hotel nel cuore della città – presenta #RockingArt, un ciclo di dipinti di Alessandra Signorini, a cura di Daniele Decia di Question Mark Milano. Dipingere l'immaginario collettivo, comunicando emozioni: sembra facile, ma non lo è. La ricerca artistica di Signorini, che preferisce definirsi pittrice piuttosto che artista, mira a emozionare con le rappresentazioni su tela del mondo contemporaneo. 

Il ciclo #RockingArt si può ammirare
dal 15 novembre 2019 al 19 gennaio 2020
Nata nel 1974 a Varese, dove tuttora risiede e lavora, Signorini trae spunto dal lavoro del suo maestro, Beppe Devalle (1940-2013), creando una riscrittura della Neue Sachlichkeit, la Nuova Oggettività, movimento artistico nato in Germania alla fine della prima guerra mondiale che coinvolse principalmente la grafica e che si contrappose all'Espressionismo e alle Correnti Astrattiste. Le opere della pittrice nascono dal bisogno interiore di indagare il contemporaneo. Parte così una frenetica ricerca di immagini prese dai rotocalchi, poi sezionate e incollate in piccoli collage, successivamente riprodotti pittoricamente su supporti di grandi dimensioni. Nel suo lavoro, il gesto è violento sia in fase di studio (tagliando) sia in fase di sviluppo (le pennellate sono decise). Il risultato, tuttavia, riesce a mantenere un forte equilibrio cromatico e trasforma la durezza del gesto nella morbidezza del tratto raffigurato. La mostra presenta una serie di opere in cui l’osservatore è trasportato in un universo frenetico popolato dai miti del nostro tempo: Amy Winehouse, Peaches e Bob Geldof, Madonna, Mick Jagger e molti altri. Quello della pittrice, infatti, è un percorso che, attraverso l'analisi dell'immagine fotografica riprodotta in grande scala, riflette un attento studio della società contemporanea.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...