05 luglio 2021

Lonato del Garda punta sulla realtà immersiva e aumentata

La sala immersiva è collocata nella parte alta della fortezza
Il complesso monumentale della Fondazione Ugo Da Como di Lonato del Garda, fra i luoghi più affascinanti e ricchi di storia della provincia di Brescia, accoglie i visitatori con strumenti all'avanguardia che integrano le tradizionali visite alla Rocca di Lonato e alla Casa del Podestà, oggi casa-museo rimasta inalterata con le sue collezioni d’ arte, i suoi antichi arredi, la sua biblioteca. Una sala immersiva e un'esperienza di visite virtuali coinvolgono i visitatori in un piacevole e stimolante viaggio alla scoperta del passato, delle storie, dei protagonisti di questi luoghi e del territorio circostante, raccontati in modo inconsueto (e fruibile con immediatezza anche da parte del pubblico più giovane) grazie alle più moderne tecnologie museali. La sala immersiva è collocata al piano interrato della cinquecentesca Casa del Capitano nella parte alta della fortezza, dove i visitatori arrivano dopo vari percorsi all’esterno con scorci panoramici a 360 gradi sul bacino del Basso Garda e sulla pianura bresciana, e vengono avvolti da immagini di grande respiro e spettacolarità, proiettate su tutte le pareti. La sala è un invito alla visita e alla scoperta del territorio del Garda e delle colline che circondano Lonato. Alzandosi in volo sopra la Rocca, si scoprono borghi, castelli, fortezze e palazzi poco conosciuti, ma si raggiungeranno anche Sirmione con il suo Castello Scaligero e le Grotte di Catullo e di Desenzano del Garda con il caratteristico porto, i mosaici della Villa romana e il Castello che domina il centro storico. La sala immersiva è realizzata in collaborazione con Dcg company, leader nella comunicazione audiovisiva e multi sensoriale.
La Casa del Podestà
Le visite virtuali al complesso della Fondazione Ugo Da Como arricchiscono la visita sia della Rocca che della Casa del Podestà grazie a contenuti audio-video che integrano quanto è ancora oggi visibile, completandolo con ricostruzioni in 3D degli edifici, dall’effetto sorprendente e didatticamente molto efficace. In castello si possono così ammirare il refettorio dei soldati, la cannoniera con i camminamenti di ronda e una porzione del quartiere della Rocchetta con le sue torri. Grazie alle audio-video guide realizzate con occhiali Artglass personalizzati col software di realtà aumentata i visitatori scoprono com'erano anticamente questi luoghi. Non solo. Ne scoprono anche storia e vita quotidiana (con approfondimenti di aspetti per lo più sono sconosciuti al largo pubblico) dalla viva voce di personaggi d’eccezione, interpretati da attori: a narrare la storia della Rocca è Isabella d'Este, mentre la Casa del Podestà è raccontata da Ugo Da Como. Un terzo percorso virtuale porta a scoprire il Museo Civico Ornitologico, con i suoi esemplari nel loro habitat naturale.